Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Codice fiscale - Dichiarazione dei redditi Fisconline - Incentivi fiscali

 

Codice fiscale - Dichiarazione dei redditi Fisconline - Incentivi fiscali

AVVISO IMPORTANTE

Per alcune pratiche amministrative, per esempio l'iscrizione presso alcune università italiane, oppure per la richiesta dello SPID, della  carta CNS oppure dell'ISEE (*) può essere necessario essere titolari del cartellino/tesserino plastificato in corso di validità oppure del certificato cartaceo sostitutivo "timbrato e firmato dall'autorità diplomatico/consolare". In questi casi non é sufficiente quindi presentare un semplice documento di attribuzione del numero di codice fiscale: la richiesta deve essere inviata per posta ordinaria cartacea con una busta affrancata di ritorno (vedi istruzioni sotto riportate) spuntando sul modulo quale modalità di codice fiscale si desidera ottenere dal Consolato (il cartellino o il certificato). IL SERVIZIO NON É OPERATIVO PER EMAIL. È responsabilità esclusiva degli interessati verificare con l'Autorità richiedente quali siano i requisiti e le scadenze per l'avvio di pratiche esterne a questo Ufficio.

(*) SPID=Sistema Pubblico Identità Digitale; CNS=Carta Nazionale Servizi; ISEE=Indicatore Situazione Economica Equivalente

 

1. Codice Fiscale
2. Dichiarazione dei redditi (Fisconline) e Pincode
3. Incentivi fiscali per il rientro di lavoratori in Italia

 

1. Codice Fiscale

Presso gli Uffici Consolari all'estero è possibile ottenere il rilascio del codice fiscale italiano per i soggetti fisici. Il codice fiscale è necessario per poter effettuare operazioni fiscali in Italia e viene rilasciato a cittadini italiani o stranieri, a condizione che gli stessi siano residenti nel territorio della Circoscrizione Consolare di competenza. Si ricorda che l'Agenzia delle Entrate è l'unica autorità competente al rilascio ed alla validazione del codice fiscale. L'attribuzione di tale codice da parte dell'Ufficio Consolare è un servizio dedicato alle persone residenti all'estero.

Il servizio del Codice Fiscale non è ritenuto urgente e si eroga compatibilmente con gli altri servizi consolari prioritari per i cittadini italiani. I tempi di trattazione delle richieste di attribuzione telematica del Codice Fiscale sono indicativamente di 30 giorni lavorativi. Data l'elevata quantità di domande ricevute da questo servizio, non é possibile garantire l'erogazione del codice in tempo utile per scadenze relative a questioni private o per pratiche esterne al nostro Ufficio.

Codice fiscale per minori italiani nati all'estero (dal 2020 in poi): in base all'attuale normativa ANPR/AIRE, l'attribuzione del codice fiscale per un minore nato e residente all'estero é competenza del Comune AIRE, il quale provvede ad assegnarlo dopo la trascrizione dell'atto di nascita. Per ottenere tale codice, quindi, i genitori si devono rivolgere direttamente al Comune competente.

Per qualsiasi altra informazione relativa alle questioni fiscali si suggerisce di visitare il sito ufficiale dell'Agenzia delle Entrate: http://www.agenziaentrate.gov.it.


Operazioni che possono effettuare gli Uffici Consolari

  • via email: prima attribuzione o verifica del numero del codice fiscale (senza valore di certificato)
  • solo per posta cartacea: prima attribuzione del codice fiscale + rilascio certificato cartaceo; prima attribuzione del codice fiscale + tesserino/cartellino plastificato; duplicato del tesserino plastificato per smarrimento/furto; rilascio del certificato fisico cartaceo con timbro e firma del Funzionario (solo per chi é già titolare di codice fiscale)



Come richiedere la prima attribuzione del numero del codice fiscale

  • inviando alla casella madrid.cfiscale@esteri.it la scansione del modello AA4/8 stampato e firmato + scansione del documento d'identità (scansioni in formato PDF e in bianco e nero); la firma sul modulo deve essere autografa e fatta preferibilmente a penna; il modulo deve riportare obbligatoriamente un indirizzo nel territorio della circoscrizione consolare di Madrid (attenzione: le persone residenti in Aragón, Cataluña, Comunidad Valenciana, Murcia, Isole Baleari e Principato di Andorra devono inviare la richiesta del codice fiscale al Consolato Generale di Barcellona); non é obbligatorio indicare un indirizzo in Italia, a meno che il richiedente abbia un recapito fiscale nel territorio della Repubblica
  • i cittadini extra UE devono allegare anche copia della "tarjeta de residencia" spagnola (NIE)
  • per i richiedenti minorenni il modulo deve essere firmato da uno dei due genitori o dal tutore legale, che deve allegare copia del proprio documento d'identità e copia del documento d'identità del minore; i minorenni non possono in nessun caso firmare il modulo

INVIARE UNA EMAIL INDIVIDUALE PER OGNI RICHIESTA DI CODICE FISCALE, EVITANDO L'INVIO DI MESSAGGI CUMULATIVI, ANCHE PER MEMBRI DELLA STESSA FAMIGLIA. I FILE CON LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA DEVONO ESSERE ALLEGATI AL MESSAGGIO (NON INSERITI ALL'INTERNO DELLO STESSO) ED I NOMI DEVONO CORRISPONDERE AL CONTENUTO, PER ES.: "MODELLO AA4-8", "PASSAPORTO", "CARTA IDENTITA", "DNI", "TARJETA RESIDENCIA", ECC.

SI PREGA DI NON INVIARE DOCUMENTAZIONE NON RICHIESTA NELLE ISTRUZIONI SOPRA INDICATE

Il documento semplice di attribuzione del codice fiscale verrà inviato per posta elettronica presso la casella email di provenienza della richiesta (attenzione: il documento inviato non é un certificato).



Come richiedere il tesserino/cartellino plastificato o il certificato cartaceo del codice fiscale

  • inviando per posta ordinaria (cartacea) il modello AA4/8 firmato + la fotocopia di un documento + una busta affrancata con l’indirizzo di restituzione ("sobre con franqueo pagado", oppure una busta con l’indirizzo e un "Coupon-Reponse International - UPU", che si acquista presso gli Uffici Postali di "Correos") - indirizzo per l'invio postale: Cancelleria Consolare dell'Ambasciata d'Italia in Madrid, Calle Agustín de Betancourt n.3, 28003 Madrid; indicare nella voce "ALLEGATI" del modulo AA4/8 un telefono/cellulare e un indirizzo email di contatto; il modulo deve riportare obbligatoriamente un indirizzo nel territorio della circoscrizione consolare di Madrid (nota: le persone residenti nelle province di Aragón, Cataluña, Comunidad Valenciana, Murcia, Isole Baleari e Principato di Andorra devono inviare la richiesta del codice fiscale al Consolato Generale di Barcellona); non é invece obbligatorio indicare un indirizzo in Italia, a meno che il richiedente abbia un recapito fiscale nel territorio della Repubblica
  • i cittadini extra UE devono allegare anche copia della "tarjeta de residencia" spagnola (NIE)
  • per i richiedenti minorenni il modulo deve essere firmato da uno dei due genitori o dal tutore legale, che deve allegare copia del proprio documento d'identità e copia del documento d'identità del minore; i minorenni non possono in nessun caso firmare il modulo

LE DOMANDE CARTACEE HANNO UN RISCONTRO ESCLUSIVAMENTE CARTACEO. Non verranno evase richieste del cartellino plastificato o del certificato cartaceo pervenute per e-mail, nè eventuali solleciti delle stesse. I tempi di rilascio e di inoltro all'estero del cartellino plastificato da parte dell'Agenzia delle Entrate sono di circa 90 giorni. Non esistono procedure di urgenza. Il certificato cartaceo con il codice a barre, firmato e timbrato, e che ha lo stesso valore del tesserino/cartellino plastificato, sarà spedito per posta al richiedente non appena sarà possibile lavorare la domanda, in rigoroso ordine cronologico.

 

Modulistica

·> [Richiesta di attribuzione del CODICE FISCALE -Modello AA4/8] - modello PDF editabile: per poter utilizzare questa funzionalità il modulo deve essere salvato sul proprio computer, compilato, stampato su carta, e poi firmato; in caso di problemi satmpare direttamente su carta e compilare a penna con grafia chiara.

Presso il sito web dell'Agenzia delle Entrate sono disponibili i moduli in altre lingue (tedesco, sloveno, inglese, spagnolo e francese) ed anche istruzioni complete per la corretta compilazione della richiesta del codice fiscale: https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Schede/Istanze/Richiesta+TS_CF/Modello+e+istruzioni+CF+AA4_8/?page=istanzecomunicazionicitt

 

2. Dichiarazione dei redditi - PINCODE

L'Agenzia delle Entrate offre la possibilità ai cittadini italiani residenti all'estero di ottenere il PINCODE che consente loro di trasmettere via Internet la dichiarazione Unico persone fisiche ed effettuare i relativi pagamenti. Le procedure sono dunque riferite unicamente ai cittadini non residenti nel territorio nazionale, che possono rivolgersi alle Ambasciate e Consolati all'estero per chiedere il proprio PINCODE.

I requisiti per l'attivazione del PINCODE tramite il consolato sono i seguenti:

  1. iscrizione nello schedario consolare ·> cliccare qui per informazioni
  2. iscrizione nei registri AIRE del Comune di riferimento

Il servizio all'estero non è operativo per i cittadini stranieri (ovvero, non italiani) che devono rivolgersi direttamente agli Uffici dell'Agenzia delle Entrate che si trovano in Italia. La procedura é presenziale e quindi non si può attivare a distanza.


Modalità di richiesta del PINCODE

Per ottenere il PINCODE è necessario seguire questi passi:

1. collegarsi al sito http://telematici.agenziaentrate.gov.it ed avviare la procedura dalla sezione “Abilitazione”, utilizzando la specifica funzione “Presentazione della domanda - Cittadini italiani residenti all'estero”
2. stampare il foglio di richiesta accettata dall'Agenzia delle Entrate ed inviarla al consolato per posta elettronica alla casella madrid.cfiscale@esteri.it indicando i dati anagrafici completi (cognome, nome, data e luogo di nascita, indirizzo di residenza in Spagna, telefoni di contatto, casella di posta elettronica) + scansione del documento d'identità valido (formato PDF in bianco e nero)
3. attendere la comunicazione per e-mail da parte del consolato, che conterrà la prima parte del PINCODE e la password di accesso
4. accedere di nuovo al sito http://telematici.agenziaentrate.gov.it per ricevere la seconda parte del PINCODE

Non sono ammesse procedure diverse da quelle indicate. Il Consolato non può avviare la prima fase della domanda (punto 1) che é a carico degli interessato. In caso di richieste pervenute al consolato con modalità diverse da quelle sopra riportate, non potrà essere attivato il PINCODE.

 

3. Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (Legge n. 238, 30/12/2010)

·> per informazioni cliccare qui (link esterno)

 


94