Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Elezioni Europee 2019

 

Elezioni Europee 2019

Normativa di riferimento: Legge n. 18/1979 e DL 408/1994
Tipo di voto: presso seggi istituiti nello Stato UE dall'Ufficio Consolare
Spoglio delle schede: in Italia  

 

1. Informazioni generali sul voto
2. Voto all'estero per gli elettori residenti nella circoscrizione dell’Ambasciata a Madrid ed iscritti all’AIRE
3. Voto all'estero per gli elettori temporaneamente presenti nella circoscrizione consolare dell’Ambasciata a Madrid per motivi di studio o di lavoro (per meno di 12 mesi) - nota: il termine é scaduto il 7 marzo 2019
4. Ubicazione dei seggi nel territorio della circoscrizione consolare
5. Votare in Italia e agevolazioni di viaggio
6. Divieto del doppio voto
7. Ricerca componenti per la formazione dei seggi
8. Autenticazione delle firme di sottoscrittori di lista
9. Link utili

 

1. Informazioni generali sul voto

Possono votare in Spagna per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento europeo:
- i cittadini italiani residenti in Spagna e regolarmente iscritti all’AIRE, che non abbiano optato per il voto per i candidati spagnoli;
- i cittadini italiani ed i familiari con essi conviventi che si trovano temporaneamente (per meno di 12 mesi) in Spagna per motivi di studio o di lavoro, che abbiano presentato entro il 7 marzo 2019 apposita domanda all'Ufficio consolare competente, indirizzata al Sindaco del Comune italiano nelle cui liste elettorali sono iscritti.

Il voto all’estero per i rappresentanti italiani si esercita presso i seggi appositamente istituiti all'estero dalle Ambasciate e dagli Uffici consolari.

L’elettore riceve al proprio indirizzo estero da parte del Ministero dell’Interno italiano il certificato elettorale, con l’indicazione del seggio presso il quale votare, della data e dell’orario delle votazioni.

L’elettore italiano residente all'estero o temporaneamente in Spagna per motivi di studio o lavoro (che abbia presentato domanda di voto all’estero nei termini previsti), se rientra in Italia, può votare presso il proprio Comune di iscrizione elettorale: in tal caso deve farne esplicita richiesta, entro il giorno precedente quello della votazione, al Sindaco del suddetto Comune, esibendo il certificato elettorale a lui inviato dal Ministero dell'Interno presso il domicilio estero.

 

2. Voto all'estero per gli elettori residenti nella circoscrizione dell’Ambasciata a Madrid ed iscritti all’AIRE

Ai sensi della Direttiva 93/109/CE e della normativa italiana vigente (Legge 18/1979 e DL 408/1994, convertito in legge 483/1994), i cittadini italiani residenti in Spagna e iscritti all’AIRE possono votare:

1) per i membri del Parlamento Europeo spettanti all’Italia, presso i seggi istituiti all’estero dalle Rappresentanze diplomatico-consolari. Se si vuole votare per i candidati italiani è opportuno verificare presso il proprio Comune spagnolo di residenza (Oficina del Censo Electoral) di non avere esercitato in passato l’opzione per i candidati spagnoli ed eventualmente revocarla. Gli elettori che non hanno esercitato l’opzione per il voto dei membri spagnoli del Parlamento Europeo, riceveranno a casa da parte del Ministero dell’Interno italiano il certificato elettorale, con l’indicazione del seggio presso il quale votare, della data e dell’orario delle votazioni.
La legge prevede anche la possibilità di votare per i candidati italiani in Italia, in caso di rimpatrio, facendone domanda all’ufficio elettorale del proprio Comune italiano di riferimento entro il giorno precedente alla votazione, esibendo il certificato elettorale ricevuto al proprio domicilio estero

oppure

2) per i membri del Parlamento Europeo spettanti alla Spagna, previa opzione da esercitare presso il Comune spagnolo di residenza (Oficina del Censo Electoral); tale opzione comporta l’eliminazione del proprio nominativo dall’elenco elettori fornito dal Ministero dell'Interno italiano: una volta esercitata l’opzione per i candidati spagnoli, non si potrà in alcun modo esercitare il diritto di voto per i candidati italiani. Si attira l’attenzione sul fatto che, per la normativa spagnola, l’opzione ha carattere permanente: vale a dire che una volta esercitata, rimane valida per tutte le consultazioni successive, fino a formale revoca da esercitarsi sempre presso il Comune di residenza spagnolo.


È penalmente sanzionato il doppio voto:
- chi vota per i membri spagnoli del Parlamento Europeo non potrà votare anche per quelli italiani, e viceversa;
- chi vota per i candidati italiani presso le sezioni istituite all’estero non potrà farlo anche presso quelle presenti in Italia, e viceversa.

Gli elettori in possesso di più cittadinanze UE possono esercitare il loro diritto di voto solo per uno degli Stati di cui sono cittadini.

 

3. Voto all'estero per gli elettori temporaneamente presenti nella circoscrizione consolare dell’Ambasciata a Madrid per motivi di lavoro o di studio (per meno di 12 mesi) - IL TERMINE É SCADUTO IL 7 MARZO 2019

Nella Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 24 del 29/01/2019, é stato pubblicato il comunicato del Ministero dell'Interno relativo al termine per la presentazione della domanda per gli elettori che si trovino temporaneamente nel territorio dei paesi memebri dell'Unione Europea per motivi di lavoro o di studio,

Si rammenta che NON rientrano in tale categoria di elettori i cittadini che sono soggetti all’obbligo di iscrizione all’AIRE (residenti all’estero per cause di durata superiore a 12 mesi, ai sensi della legge 470/1988). 

Scade il 7 marzo 2019 il termine stabilito dal Ministero dell'Interno per la presentazione della domanda per potere esprimere il voto presso le sezioni elettorali che saranno istituite da questa Cancelleria Consolare, da parte degli elettori che si trovino temporaneamente nel territorio della circoscrizione consolare dell’Ambasciata a Madrid per motivi di lavoro o di studio, nonché degli elettori familiari con essi conviventi.

Le domande possono essere presentate unicamente presso l'Ufficio Consolare di competenza, vale a dire presso la Cancelleria Consolare dell'Ambasciata d'Italia in Madrid (gli Uffici Onorari della circoscrizione non sono abilitati a tale funzione):

1) per posta elettronica (modalità consigliata) presso la casella elezioni2.madrid@esteri.it inviando la domanda firmata in scansione digitale + certificazione o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà + copia di un documento d'identità del richiedente (importante: dimensione massima allegati 10 MB); in caso di problemi di saturazione della casella indicata, la domanda può essere eccezionalmente inviata presso la casella elezioni.madrid@esteri.it

2) per posta cartacea all'indirizzo della Cancelleria Consolare (Calle Agustín de Betancourt n.3, 28003 Madrid) inviando la domanda firmata + certificazione o dichiarazione di cui sopra + fotocopia documento d'identità del richiedente

3) personalmente agli sportelli della Cancelleria Consolare (Calle Agustín de Betancourt n.3) esclusivamente in orario al pubblico e senza necessità di prenotare l'appuntamento

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre il termine del 7 marzo 2019. Si ricorda che il termine è tassativo e non derogabile: oltre tale data le domande non potranno essere accolte e gli elettori temporaneamente all’estero per motivi di lavoro o studio potranno esercitare il loro diritto di voto solo in Italia (art. 3 comma 6 D.L. 408/1994) oppure nel Paese di abituale residenza UE se iscritti all’AIRE.

La Cancelleria Consolare dell'Ambasciata d'Italia in Madrid é competente solo per i cittadini presenti nel territorio della propria circoscrizione: Andalusia, Asturie, Cantabria, Castiglia-La Mancia, Castiglia e León, Estremadura, Galizia, Isole Canarie, La Rioja, Comunità Autonoma di Madrid, Navarra, Paesi Baschi, nonché le città autonome di Ceuta e Melilla. Le rimanenti regioni spagnole rientrano nella circoscrizione di competenza del Consolato Generale di Barcellona.

Allegati:
- [Domanda di voto per elettori temporaneamente all'estero per motivi di lavoro o di studio] - PDF editabile da compilare con il computer, stampare su carta e firmare a penna (non sono valide firme digitali o scritte con il computer); in caso di compilazione a mano si prega di scrivere in maiuscole e con grafia chiara; per l'invio tramite email si suggeriscono scansioni in formato "PDF" ed in bianco e nero (massimo allegati: 10 MB)

 

4. Ubicazione dei seggi nel territorio della circoscrizione consolare

SEZIONE NON ANCORA DISPONIBILE.

 

5. Votare in Italia e agevolazioni di viaggio

L’elettore italiano residente o temporaneamente in Spagna per motivi di studio o lavoro (che abbia presentato domanda di voto all’estero nei termini previsti), se rientra in Italia, può votare presso il proprio Comune di iscrizione elettorale: in tal caso deve farne esplicita richiesta, entro il giorno precedente quello della votazione, al Sindaco del suddetto Comune, esibendo il certificato elettorale a lui inviato dal Ministero dell'Interno presso il domicilio estero.

Per informazioni relative alle agevolazioni di viaggio è possibile visitare il sito del Ministero dell'Interno: cliccare qui

 

6. Divieto del doppio voto

Si ricorda il divieto di doppio voto disposto sia dalle istituzioni dell'Unione Europea che dalla legge italiana.
In particolare:
- chi vota per i candidati al Parlamento Europeo del Paese di residenza non potrà votare anche per quelli italiani, e viceversa;
- chi vota per i candidati italiani presso le sezioni elettorali istituite all’estero dagli Uffici diplomatico-consolari non potrà farlo anche presso le sezioni elettorali in Italia, e viceversa.

Nessuno può votare più di una volta nel corso delle medesime elezioni: gli elettori in possesso di più cittadinanze di Paesi membri dell’Unione Europea possono esercitare il loro diritto di voto per i candidati di UNO SOLO degli Stati di cui sono cittadini. In pratica essi possono scegliere per quali candidati esprimere il proprio voto, senza necessariamente esercitare una opzione espressa, ma non possono in alcun caso votare più volte, pena le sanzioni penali previste dalla legislazione di ciascun Paese.

 

7. Ricerca componenti per la formazione dei seggi

Ai sensi della normativa vigente, ciascun seggio all’estero deve essere costituito da un presidente, un segretario e tre scrutatori.
Mentre i presidenti vengono nominati dal Presidente della Corte d'Appello di Roma, i segretari e gli scrutatori vengono nominati dal Capo dell'Ufficio Consolare, nel periodo compreso tra il quindicesimo e l'ottavo giorno precedente quello della votazione, sentiti i rappresentanti dei partiti o gruppi politici che abbiano presentato ed abbiano avuto ammessa una lista di candidati.

I seggi saranno istituiti, oltre che a Madrid, nelle città di Bilbao, La Coruña, Las Palmas de Gran Canaria, Malaga, Siviglia, Santa Cruz de Tenerife.

I cittadini interessati a fare parte dei seggi elettorali possono presentare la propria candidatura inviando alla Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia a Madrid il modulo di domanda, con le modalità indicate nel comunicato riportato di seguito. 

·> Scarica qui il comunicato- file PDF

·> Scarica qui il modulo di candidatura a componente di seggio - file PDF

 

8. Autenticazione delle firme di sottoscrittori di lista

Ai sensi dell’art. 12 della Legge 18/1979 l’Ufficio Consolare, nell’ambito delle proprie funzioni, é abilitato ad autenticare le firme dei sottoscrittori per la presentazione di una lista di candidati. Per essere valida, la firma deve essere apposta in presenza di un Pubblico Ufficiale. Per questa Circoscrizione Consolare, tale firma può autenticata unicamente presso gli sportelli della Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia in Madrid.

Le modalità per depositare la propria firma sono le seguenti:
• orario: tutti i mercoledì dalle ore 10:00 alle ore 14:00
• indirizzo: Calle Agustín de Betancourt n.3
• documentazione necessaria: documento d’identità valido

Non é necessario prenotare l’appuntamento.L’eventuale impossibilità a presentarsi nell’orario indicato deve essere segnalata all’ufficio elettorale, presso la casella elezioni.madrid@esteri.it. Nel possibile verrà concordato uno specifico appuntamento con il cittadino, sempre nell’ambito dell’orario di funzionamento della Cancelleria Consolare.

 

9. Link utili

MAECI - Ministero degli Affari Esteri e della Coop. Internazionale - Informazioni Europee 2019


38