Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Radiazione di autoveicoli con targa italiana per esportazione - Modifiche della normativa

Data:

17/12/2019


Radiazione di autoveicoli con targa italiana per esportazione - Modifiche della normativa

Dal 1º gennaio 2020 la radiazione dal P.R.A. (Pubblico Registro Automobilistico) per definitiva esportazione del veicolo all'estero non potrà più essere richiesta per il tramite della rete diplomatico consolare.

Il nuovo art. 103 del Codice della Strada prevede che la cancellazione dal PRA per definitiva esportazione all'estero di autoveicoli, motoveicoli o rimorchi sia disposta a condizione che i suddetti siano stati sottoposti a revisione, con esito positivo, in data non anteriore a sei mesi rispetto alla data di richiesta di radiazione. Pertanto, dal 1º gennaio 2020, la radiazione dovrà essere richiesta prima che il veicolo venga esportato, in modo da consentire il controllo dell'avvenuta revisione nei tempi stabiliti dalla legge. Una volta effettuata la radiazione, il veicolo cancellato potrà circolare su strada per raggiungere i transiti di confine per l'esportazione solo se munito del foglio di via e della targa provvisoria prevista dall'art. 99 del Codice della Strada. In fase di prima applicazione della nuova disciplina il veicolo radiato sarà munito anche della carta di circolazione originale annullata per esportazione e non valida per la circolazione. A partire datta data indicata, quindi, gli Uffici Consolari non potranno più accettare richieste di cancellazione dal P.R.A. di veicoli esportati all'estero in data successiva.

Si invitano gli utenti a prendere attenta visione del comunicato congiunto MIT/ACI disponibile al link http://www.mit.gov.it/sites/default/files/media/normativa/2019-12/comunicato_MIT-ACI_11-12-2019.pdf - PDF ITA


285