Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Trascrizione nascita

 

Trascrizione nascita

I figli di genitori entrambi italiani o di almeno uno con cittadinanza italiana - anche se nato all’estero ed eventualmente in possesso di un’altra cittadinanza - sono cittadini italiani. Per consentire il riconoscimento della cittadinanza al proprio figlio la nascita deve essere trascritta in Italia. Tale adempimento è previsto dall'ordinamento dello stato civile italiano (DPR n. 396/2000).

Nel caso in cui entrambi i genitori siano italiani ed appartengano o siano residenti presso Comuni diversi - salvo diverso accordo tra di loro - l'atto di nascita verrà trascritto presso il Comune di riferimento della madre.

 

1. Modalità di presentazione della richiesta di trascrizione

La richiesta può essere presentata direttamente al proprio Comune di iscrizione AIRE (in questo caso è necessario rivolgersi all'Ufficio di Stato Civile comunale) oppure a questa Cancelleria Consolare:

a) Per posta all'indirizzo della Cancelleria Consolare dell'Ambasciata d'Italia, Calle Agustín de Betancourt n.3, 28003 Madrid;

b) Presso l'Ufficio Onorario competente per località di residenza > cliccare qui per accedere agli Uffici della rete consolare onoraria.

 

2. Documentazione da presentare per registrare una nascita avvenuta avvenuta in Spagna o all'estero

  • Modulo di richiesta ·> cliccare qui per scaricare il modulo PDF
  • Spagna: certificato di nascita integrale in originale ("certificado de nacimiento literal original" -non fotocopie) e certificato di nascita internazionale in originale rilasciati dal Registro Civil spagnolo ("certificado de nacimiento plurilingue original" - non sono valide fotocopie)
  • Altri Paesi: certificato di nascita integrale in originale rilasciato dall'Autorità competente ("certificado de nacimiento literal original" - non sono valide fotocopie) munito di legalizzazione (Postille dell'Aja o equivalente) e di traduzione ufficiale in lingua italiana
  • Fotocopie dei documenti d'identità dei genitori
  • in tutti i casi di figlio nato fuori dal matrimonio, riconosciuto da entrambi i genitori nell'atto di nascita straniero, oltre alla richiesta è necessario allegare la traduzione ufficiale in italiano del certificato integrale ("certificado literal"). Il riconoscimento effettuato all’estero è infatti valido anche in Italia qualora rispetti le condizioni previste dalla normativa italiana (art. 250 e segg codice civile). In caso di riconoscimento successivo alla nascita i genitori dovranno invece recarsi presso la Cancelleria Consolare di Madrid per effettuare una specifica dichiarazione di fronte al competente Funzionario consolare. In alternativa l'atto di riconoscimento può essere effettuato dinanzi ad un Notaio locale e poi tradotto in lingua italiana (traduzione ufficiale) ai fini dell'invio al Comune italiano competente. Per informazioni relative alle legalizzazioni e traduzioni ·> cliccare qui
  • In caso di figlio nato nell'ambito dell'unione tra persone dello stesso sesso, va accertato il rapporto di filiazione con il genitore italiano biologico, quindi si dovrà presentare obbligatoriamente il certificato spagnolo denominato "Parte del Facultativo que asistió al nacimiento". Questo documento va inviato in originale con relativa traduzione ufficiale all'italiano, vedi sezione [traduzioni e legalizzazioni]. Si ricorda che ad oggi la normativa italiana non prevede la trascrizione di figli nati da gestazioni surrogate.

Avvertenza: il "Libro de Familia" rilasciato dal Registro Civil spagnolo non ha nessun valore agli effetti della registrazione In Italia di una nascita avvenuta in Spagna. Il suo uso è limitato esclusivamente all'ambito della legislazione spagnola.

Per i minori residenti in Spagna non è necessario l'invio della richiesta di iscrizione A.I.R.E.

 
3. Informazioni relative al cognome ed al nome del proprio figlio 

 

  • COGNOME
    • Il Ministero dell'Interno, con circolare n. 397/2008, ha disposto che per i bambini nati all'estero ed in possesso sia della cittadinanza italiana sia di quella di un paese estero, l'Ufficiale di stato civile italiano procederà ad iscrivere l'atto di nascita attribuendo al soggetto il cognome indicato nell'atto di nascita. Resta fermo che i genitori possano richiedere all'Ufficiale dello stato civile, con apposita istanza, l'acquisizione del solo cognome paterno. In assenza di tale istanza si provvederà ad assegnare il cognome in base alla suddetta circolare.
    • Anche gli atti di nascita stranieri di figli di genitori entrambi italiani, presentati per la trascrizione in Italia, che già rechino il cognome materno in aggiunta a quello paterno, sono ricevibili nell’ordinamento italiano, senza bisogno di acquisire alcuna dichiarazione di volontà da parte dei genitori.

 

  • NOME
    • Ai sensi dell'art. 34 del DPR 396/2000, è vietato imporre al proprio figlio lo stesso nome del padre vivente, di un fratello o di una sorella viventi, un cognome come nome, nomi ridicoli o vergognosi. I nomi stranieri devono essere espressi in lettere dell'alfabeto italiano, con estensione alle lettere J, K, X, Y, W. Se il genitore intende dare al bambino un nome in violazione ai divieti stabiliti, l'ufficiale dello stato civile del Comune lo avverte del divieto e, se il dichiarante persiste nella sua determinazione, forma l'atto e ne dà immediata notizia al Procuratore della Repubblica ai fini del promovimento del giudizio di rettificazione. Il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso e può essere composto da uno o più elementi, anche separati, e comunque non superiori a tre. A tal fine, si ritiene opportuno consigliare ai genitori di evitare di imporre ai propri figli nomi che possono trarre in equivoco circa il sesso degli stessi (ad esempio il nome "Andrea", che in Italia é maschile e invece nei paesi a cultura spagnola è femminile).

218