Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nomi e Cognomi (variazione, modifica, correzioni)

 

Nomi e Cognomi (variazione, modifica, correzioni)

Ai sensi del DPR n. 396/2000 i cittadini italiani sono tenuti a dichiarare tutte le variazioni di stato civile che si verificano durante la loro permanenza all'estero. E' dunque loro obbligo consegnare i relativi atti (nascita, matrimonio, decesso) o la relativa documentazione (divorzio, riconoscimento di figli, cambio del regime patrimoniale del matrimonio, ecc.) all'Ufficio Consolare territorialmente competente.

Per i cittadini iscritti all'AIRE, l'Ufficio Consolare si occupa di aggiornare il proprio schedario e di trasmettere l'atto (o gli atti) di stato civile al Comune italiano di riferimento, mentre per i cittadini residenti in Italia, si provvede unicamente a trasmettere gli atti al Comune di residenza del nucleo familiare.

Si ricorda che i cittadini possono consegnare gli atti di stato civile, debitamente legalizzati e tradotti, anche direttamente al Comune italiano di appartenenza (art. 12, comma 11, DPR 396/2000). In questi casi, dopo aver consegnato direttamente l'atto al Comune, è comunque consigliabile consegnarne una copia all'Ufficio Consolare per l'aggiornamento dei dati dello schedario consolare.

Esenzione dalla legalizzazione

In applicazione della Convenzione bilaterale tra la Repubblica Italiana e la Spagna (Legge n. 761/1985 e G.U. 303/1985 Suppl.ord. 106 - Ley n. 761/1986 e BOE n. 124/1986) la documentazione di stato civile emessa da uno dei due Stati non si deve legalizzare se si presenta alle Autorità dell'altro Stato - per qualsiasi utilizzo - a condizione che sia firmata, datata e firmata da un funzionario.

In applicazione del Regolamento UE n. 2016/1911 del 6 luglio 2016 non é più necessario richiedere che i documenti pubblici emessi in uno Stato UE (solo quelli previsti dal regolamento) siano perfezionati con la "Postille" dell'Aja del 5 ottobre 1961. Tali documenti pubblici sono: documenti amministrativi, atti notarili, sentenze e documenti consolari. Il regolamento istituisce inoltre moduli standard multilingue (in tutte le lingue dell'UE) i quali potranno essere adottati, su richiesta degli interessati, per i documenti pubblici relativi a: nascita, esistenza in vita, decesso, matrimonio, unione registrata, domicilio e/o residenza, assenza di precedenti penali.

Modifica o correzione del cognome o del nome

Il cittadino italiano che desidera richiedere la modifica o la correzione del proprio nome o cognome può prenotare l’appuntamento tramite il sistema PrenotaOnline > cliccare QUI per accedere alla prenotazione di appuntamenti

In alternativa, i connazionali non residenti a Madrid possono chiedere informazioni sulla procedura inviando un messaggio email alla casella notarile.madrid@esteri.it dalla quale verranno fornite opportune indicazioni e modulistica da presentare alle Autorità competenti. Si ricorda che i consolati non prendono decisioni relative a modifiche dei cognomi o dei nomi. L'unica Autorità italiana che può adottare tali provvedimenti é la Prefettura competente.

Per quanto riguarda la correzione d'ufficio del cognome, disposta dall'art. 98 del DPR n. 396/2000, la stessa è prevista solo nei seguenti casi:

1. per il cittadino soltanto italiano che nasca all'estero ed al quale venga attribuito un cognome diverso da quello che gli spetterebbe secondo la legge italiana (ad esempio, per mancata conoscenza della norma applicabile in Italia da parte dell'ufficiale di stato civile straniero dell'altro Stato)

2. per lo straniero divenuto cittadino italiano perdendo la propria cittadinanza di origine

Nel caso di soggetti con doppia cittadinanza (compresa quella di paesi extra-europei) gli ufficiali di stato civile non potranno correggere direttamente il cognome attribuito nell'altro Paese di cittadinanza - secondo le norme ivi vigenti -. Per far ciò dovranno ottenere prima il consenso dell'interessato.


299