Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Atto di assenso - Decreto consolare (per passaporto o carta d'identità)

 

Atto di assenso - Decreto consolare (per passaporto o carta d'identità)

Ai sensi della Legge n. 1185/1967, art. 3 (aggiornata con le modifiche dell'art. 24 della Legge n. 3/2003), nel modulo di domanda di passaporto o carta d'identità il cittadino italiano deve indicare obbligatoriamente l'esistenza di figli minori, siano essi conviventi o meno con il richiedente stesso. Per questi casi la Legge prevede un esplicito consenso dell'altro genitore, denominato "Atto di assenso". In caso di figli di genitori diversi dovrà essere presentato un atto di assenso per ciascuno dei figli. L'atto di assenso è valido per sei mesi dalla firma dello stesso.

In caso di decesso di uno dei genitori basta presentare una copia del certificato di morte.

La legge non consente deroghe all'atto di assenso, tranne in caso di decreto consolare (vedi sotto).

È necessario procedere come segue:

  • Cittadini dell'Unione europea: si può firmare l'assenso a casa ed allegare una fotocopia di un documento d'identità valido UE; l'assenso può essere presentato dal richiedente assieme alla domanda di passaporto o carta d'identità

  • Cittadini non comunitari: devono firmare l'assenso e farsi autenticare la firma da un'autorità consolare italiana o da un Notaio.

 

Decreto consolare:

Se un genitore si rifiuta di firmare l'atto di assenso, il richiedente può avviare la procedura del decreto consolare, con la quale il Console competente territorialmente per la residenza del minore, in veste di Giudice Tutelare, autorizza eccezionalmente il rilascio del passaporto o della carta d'identità, previa valutazione dei motivi del mancato assenso, delle condizioni sociali e psicologiche del minore, dell'attribuzione della potestà genitoriale e dell'affidamento, degli obblighi imposti ai genitori (es. eventuali obblighi alimentari), ecc.

Per avviare il procedimento l'interessato dovrà inviare, unitamente alla richiesta di passaporto o carta d'identità:

- Modulo di richiesta (redatto su modello allegato - formato Word in lingua italiana)
- Copia della sentenza di divorzio o separazione o copia del provvedimento giudiziario concernente l’affidamento dei minori
- Copia della raccomandata con avviso di ricevimento inviata al luogo dell’ultima residenza conosciuta dell’altro genitore per ottenere il suo assenso
- Documentazione attestante il pagamento degli alimenti eventualmente stabiliti con sentenza
- Ricevuta di pagamento della tariffa consolare di 11€

 L'autorità consolare, in fase istruttoria, potrà richiedere documentazione supplementare.

Se si verifica che effettivamente le ragioni del dissenso dell'altro genitore sono ingiustificate, il Console, in quanto Giudice Tutelare e con apposito decreto, può autorizzare il rilascio del documento d'identità.

Questa procedura è di natura eccezionale e giudiziaria, quindi può essere utilizzata solo in caso di assoluta impossibilità ad ottenere l'atto di assenso previsto dalla legge. 

Tasse consolari. L'importo da versare per l'istanza al Console in funzione di giudice tutelare è di 11€ (solo se i minori risiedono nella circoscrizione di questa Cancelleria Consolare) > cliccare qui per informazioni circa i pagamenti
 

Modulistica:

·> [Atto di Assenso generico] - PDF


109